09
Lug
09

LA LETTERA DEL TDU

Il Consorzio Trait d’Union esprime la sua più profonda indignazione per le gravissime affermazioni contenute nell’articolo pubblicato da “La Stampa”, domenica 5 giugno, a pagina 62, rilasciate dal responsabile della cooperativa Pro.Ges e dal dirigente comunale dott. Loris Minelli in merito alla presunta sottrazione di documenti e vettovaglie dalle strutture del servizio.
A tal proposito si premette che il Consorzio, attraverso il suo legale, ha depositato nella giornata di venerdì scorso presso il Comune di Aosta una dettagliata memoria di puntuale contestazione della vicenda così come è stata artatamente presentata.
Il Consorzio Trait d’Union e le singole Cooperative consorziate evidenziano che le strutture sono state consegnate complete di ogni arredo e materiale necessario al loro funzionamento e che i beni prelevati sono di loro esclusiva proprietà ed aggiuntivi rispetto alla dotazione comunale. Ciò è stato fatto comunque solo dopo aver inviato all’Amministrazione, a mezzo fax, una comunicazione in data 25 giugno, per richiedere la redazione degli inventari, nonché un’altra il giorno 30 giugno in cui si proponeva all’Amministrazione una breve dilazione dei tempi per il ritiro dei beni di proprietà delle cooperative, finalizzata ad un passaggio di consegne più appropriato e rispettoso dell’utenza. A tali richieste non è pervenuta alcuna risposta da parte del Comune.
Quanto alle vettovaglie si precisa che, a norma del disciplinare dei servizi appaltati, la cooperativa Pro.Ges, è tenuta ad assumersi tutte le spese di gestione, compreso l’approvvigionamento dei viveri e dei materiali di pulizia, oltre a doversi dotare di idonee attrezzature per la consegna dei pasti.
Inoltre, in merito alla grave accusa di aver sottratto dei documenti relativi all’utenza, il Consorzio precisa che il Comune conserva tutti gli originali, sia per quanto riguarda le strutture residenziali sia il Servizio di Assistenza Domiciliare (SAD). La documentazione in copia relativa all’utenza delle microcomunità è stata lasciata presso le strutture. Per quanto concerne la documentazione in copia relativa agli utenti dell’assistenza domiciliare, si evidenzia che non è stata sottratta bensì, trattandosi di documenti contenenti dati sensibili ed in assenza di una qualche disposizione del Comune, è stata custodita presso le sedi delle Cooperative in attesa di poterla consegnare all’Amministrazione. Il Comune solo in data 30 giugno, ore 15,40, si è premunito di richiederne con e-mail la consegna a fronte della decorrenza del servizio prevista per il giorno successivo. Detta documentazione è stata regolarmente consegnata all’Amministrazione Comunale.
In merito alla documentazione relativa alla sicurezza dei dipendenti comunali addetti alla struttura di via Saint Martin di Corléans, si precisa che la tenuta della stessa compete esclusivamente al datore di lavoro e non certo ai gestori della struttura comunale.
Rilevata pertanto l’assoluta infondatezza delle dichiarazioni della Pro.Ges e del dott. Loris Minelli, al Consorzio preme inoltre rilevare alcuni altri aspetti che possono contribuire a fornire una ricostruzione dei fatti più rispondente alla realtà.
1. Il grave ritardo con cui sono state previste le operazioni di passaggio delle consegne tra le due cooperative sono da imputare per la maggior parte al Comune di Aosta e per la restante alla Pro.Ges. Il Comune, infatti, ha provveduto, con discutibile tempestività, ad indire la gara in data 04.04.2009 e, a seguito di lungaggini nei lavori della commissione giudicatrice (03.06.2009-15.06.2009), ha comunicato formalmente gli esiti solo nella serata del giorno 24.06.2009, ovvero 6 giorni prima della decorrenza del servizio.
2. A seguito della richiesta del Comune di Aosta di consentire l’accesso dei coordinatori della Pro.Ges. alle strutture, il Consorzio, con comunicazione in data 25.06.2009, ha fornito la massima disponibilità, sollecitando telefonicamente le Assistenti Sociali del Comune di Aosta affinché si realizzassero incontri sia per le strutture residenziali sia per il SAD. Nessun riscontro è stato dato.
3. La riunione con i coordinatori del Consorzio per i passaggi di consegne relativi al SAD è avvenuta solo nella giornata di martedì 30.06.2009 e solo a seguito della richiesta da parte del Consorzio stesso e delle OO.SS.; l’incontro, originariamente previsto per le ore 10.00, è stato rinviato alle 14,00 per indisponibilità del nuovo gestore, il quale, nell’occasione, ha garantito la presenza della metà (tre) dei coordinatori previsti per lo svolgimento del servizio.
4. Relativamente alle strutture residenziali il “passaggio di consegne” è avvenuto nella tarda mattinata di martedì 30, e la Pro.Ges ha inviato presso le strutture soltanto due dei tre soggetti che nel pomeriggio hanno poi partecipato all’incontro sul Servizio di Assistenza Domiciliare, quando l’appalto prevede coordinatori distinti per servizio e struttura in numero complessivo di 11.
5. Alla data attuale la Cooperativa Pro.Ges. non ha ancora avviato il servizio “Assistenza Domiciliare di Quartiere” oggetto dell’appalto.
Le gravissime contestazioni operate dal dirigente comunale, dott. Minelli, a nostro avviso, sembrano essere finalizzate a far ricadere sul Consorzio le responsabilità per l’avvio problematico del servizio da parte della Pro.Ges e contribuiscono a distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica dai disservizi e in alcuni casi addirittura dai mancati servizi che si stanno quotidianamente verificando.
A tal proposito è opportuno porre in evidenza che il dott. Minelli è lo stesso dirigente comunale che, senza contraddittorio alcuno, ha presieduto, nominato e determinato la spesa per la commissione giudicatrice, ha quindi provveduto all’aggiudicazione provvisoria a favore della Pro.Ges. e alla verifica di sussistenza dei suoi requisiti ed infine ha dichiarato con propria determina l’aggiudicazione definitiva del servizio, mentre oggi si pone addirittura nel ruolo del controllore.
In conclusione, il Consorzio Trait d’Union respinge con fermezza ogni addebito ad esso imputato ed invita l’Amministrazione Comunale a vigilare in merito al regolare svolgimento del servizio e a verificare la reale sussistenza dei requisiti della Pro.Ges, con particolare attenzione al possesso delle figure professionali richieste nel capitolato d’appalto.

Annunci

0 Responses to “LA LETTERA DEL TDU”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


luglio: 2009
L M M G V S D
« Giu   Set »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Mesi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: