28
Ago
10

A Jo Pyronnet

Jo e SIlvia - C- Photo Enzo Gargano, 26.08.2006, La Borie Noble

microtributo a Jo

“On a fêté, on a  fêté, nos retrouvailles, nos retrouvailles, ça fait de la peine mais il faut que  je m’en aille …”

 

Ho incontrato Jo Pyronnet nel 2006

A La Borie Noble

 Il 26 agosto 2006 abbiamo festeggiato i nostri due compleanni

Presso la Communauté de l’Arche

 Per le rispettive anagrafi, francese ed italiana, nasciamo così: Jo il 16 marzo 1927 e la sottoscritta, si dice, il 26 agosto 1961

Grazie a quella felice e bene augurante consuetudine secondo la quale incontrarsi e re-incontrarsi è una festa, noi nell’agosto 2006 abbiamo fatto festa

Per quella botta di vita che è uno “choc vital” come lo definisce lo stesso Jo ringraziando gli amici “lors des retrouvailles des réfractaires sur le Causse noir en 2003″, anche noi abbiamo fatto festa insieme :

“J’ai à vous dire merci.”

[…]

“Bravo d’avoir trouvé les moyens pour NOUS REUNIR, je ne sais pas ce qu’il en sortira, mais il ne peut en sortir que des chose bien. Moi, ça me fait beaucoup de bien, et je vous remercie plus encore de ce que vous avez fait, de ce que vous êtes parce que c’est cela que je perçois dans tout cela et qui touche tout mon être à moi. Amen.”

Secondo quella consuetudine di “partager la fête” che Lanza del Vasto ricorda con “La fête est le travail de Dieu et la célébration de l’Unite” per cui all’Arca si festeggiano tutte le molteplici occasioni di stare insieme: matrimoni, nascite, compleanni, lavori ultimati.

A proposito di Jo è proprio Enzo (Gargano) a ricordarmelo segnalandomi che gli 80 anni di Jo sono stati festeggiati a Casciago (Varese) nel luglio 2007

Ricordo la dolcezza, la luminosità e la mansuetudine di Jo, tipica di Francesco, come avrebbe detto Danilo (Dolci)

Per me fu anche illuminazione l’incontro con Jo, in quel luogo stupendo di meditazione e di ricerca spirituale che è (stata) La Borie Noble

Lo restituisce, e me lo restituisce, uno degli abbracci più profondi e più veri della mia vita: l’abbraccio con Jo, il 26 agosto 2006, impresso fotograficamente e persempre da Enzo

Jo è stato sicuramente uno dei miei maestri nel mio percorso alla ricerca e sulla strada della nonviolenza

 

Una delle prime azioni collettive delle donne e degli uomini di ACNV (Action civique non-violente) nata nel 1957, condotta insieme a Lanza del Vasto è la sensibilizzazione dell’opinione pubblica attraverso scioperi della fame e di protesta.

Contro la TORTURA praticata sugli Algerini in lotta per la loro indipendenza.

Rimbomba con forza nel mio cuore e nella mia testa l’affermazione: “Nous aussi, nos sommes suspects”

Nel 1959, nel corso della guerra che sarà chiamata d’Algeria, Jo è colpito dalla sorte di migliaia di Algerini internati per il semplice fatto di essere sospett(at)i.

“NON AUX CAMPS DE CONCENTRATIONS! si legge sugli striscioni dei manifestanti di ACNV del 1959.

Si attiva per organizzare un’azione contro questi INTERNAMENTI ARBITRARI.

Iniziano in due, Jo e Daniel Wintrebert. Presto diventeranno Trenta: donne e uomini  volontari appartenenti all’ACNV .

Chiederanno di essere INTERNATI IN UN CAMPO.

“Un suspect, c’est quelqu’un qui a peut-être fait du mal, mais on ne sait pas.

C’est exactement notre cas”

Non era sufficiente essere CONTRO.

Contro la guerra d’Algeria, contro i “CAMPS D’ASSIGNATIONS A RESIDENCE DES ALGERIENS ENFERMES SANS JUGEMENT” o contro la tortura.

Bisognava AGIRE.

Il presente testo è probabilmente troppo biografico e autoreferenziale, ma è funzionale per segnalare e per RICORDARE JO e tutti le/i compagne/i che sono state/stati con me a La Borie Noble nell’agosto 2006, dove abbiamo partecipato al campo MIR “Pellegrinaggio alle sorgenti. L’arca della nonviolenza”: Donato, Gloria, Elisabetta, Enzo, Gloria, Sibilla, Katiusha, Annah, Susanna, Paolo, Paolo, Gloria, Elsa e dove abbiamo seguito un training sul disarmo interiore condotto, per l’appunto, da Elsa Bianco, psicoanalista junghiana.

In attesa di altre  “retrouvailles” il mio pensiero è per Jo e per tutte/i le/i mie/miei compagne/compagni di La Borie Noble

 

Con un abbraccio restituibile solo grazie ad un’immagine.

Un’immagine fotografica, minore, ma certamente tra le più intense realizzate da Enzo

un’immagine che vale più di mille parole

 Anche questa può essere una azione nonviolenta

 

silvia, amica e persuasa della nonviolenza

Di Jo Pironnet (1927-2010)

segnalo:

contributi

« Non-violence et ordre public », dans la revue belge Paix et coexistence, numéro 3, janvier-février 1962

Prier 15 jours avec Gandhi, avec Charles Legland, Ed. Nouvelle cité, Collection Prier 15 jours n.26, 1998

Une nouvelle force de frappe, l’Action Non-Violente, Editions TC (Témoignage Chrétien) Bibliothèque de l’homme d’action, 1965

bibliografia

“Une nouvelle force de frappe: l’action non-violente”, dans Anarchisme et non-violence, N°3, janvier 1966

“Réfractaires à la guerre d’Algérie 1959-1963”, Editions Syllepse, 2005. Opera collettiva sotto lo pseudonimo di Erica Fraters (anagramma di réfractaires)

“Résistances non-violentes”, Éditions L’Harmattan, 2006. Rieditato nel giugno 2009

A voir . “Comme un seul homme”, François Chouquet, Association Réfractaires non-violents à la guerre d’Algérie, 2005

REFRACTAIRES NON-VIOLENTS A LA GUERRE D’ALGERIE

http://www.refractairesnonviolentsalgerie1959a63.org

Annunci

0 Responses to “A Jo Pyronnet”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


agosto: 2010
L M M G V S D
« Lug   Set »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Mesi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: