08
Giu
12

LA REPUBBLICA E’ FONDATA SUL LAVORO E NON SULLE ARMI

Torino 2 giugno 2012

Noi c’eravamo.

In 60, con un cartello che ognuno portava su di sè, per una manifestazione dal basso, omnicomprensiva e dunque aperta a chiunque ha deciso di unirsi, a ricordare l’empowerment, l’omnicrazia capitiniana, le responsabilità collettive e individuali dalle quali nessuno è esentato, abbiamo sfilato per le vie del centro di Torino.
Per una festa della Repubblica nonviolenta e solidale nel rispetto della Costituzione della Repubblica Italiana.
A partire dai principi fondamentali della Costituzione della Repubblica Italiana tra i quali l’articolo 1 e dall’articolo 11.

Nei loro rispettivi incipit:
ART.1. L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. […]
ART 11. L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; […]

In fila indiana, in silenzio, la camminata ha preso avvio da Via Garibaldi, precisamente dal cortile del centro studi Sereno Regis dove era in corso la festa per il trentennale del centro, a Piazza Castello, a Via Accademia delle Scienze sino a Piazza Carignano e ritorno.

Gli attivisti reggevano uno striscione, recante la medesima scritta apposta sui cartelli, impreziosito dalle impronte, colorate, delle mani delle persone – mani-festanti – che hanno voluto lasciare, anche così, un segno indelebile della loro partecipazione.
Piccole mani e grandi mani per una camminata davvero “trasversale” nella partecipazione: piccoli, adolescenti, giovani, adulti, anziani.
Molte le donne partecipanti.
Tutte e tutti, attivisti, indignati e, al contempo, propositivi, decisi a non voler collaborare con la preparazione della guerra neppure attraverso le manifestazioni tra cui vi sono anche le parate militari.
Riconoscenti alla promessa insita nella Costituzione della Repubblica Italiana di voler essere valida per tutt* , e in questo senso ancora da attuare completamente, consapevoli che sarà a cura e per la responsabilità di tutte le cittadine e tutti i cittadini italiani.

Perché verrà il giorno in cui la guerra sarà “fuori dalla storia”.
Se davvero lo vorremo ma soprattutto se lo decideremo.
Collettivamente.
E a livello planetario.
E sarà in un contesto di giustizia compiuta in cui vi sarà spazio per un’economia nonviolenta, omnipotente, ben più omnicomprensiva e proficua di qualsiasi economia di guerra.

Di seguito, dopo alcune riflessioni flash sulla camminata del 2 giugno, propongo qualche fotografia.
Spesso, infatti, “un’immagine vale più di mille parole”.

Con rispetto,
silvia, amica e persuasa della nonviolenza

Annunci

0 Responses to “LA REPUBBLICA E’ FONDATA SUL LAVORO E NON SULLE ARMI”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


giugno: 2012
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Mesi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: