Archivio per gennaio 2017

29
Gen
17

Dalla decostruzione del dolore alla costruzione della speranza attraverso l’immortalità del testimoniare

Gavardo, 29 gennaio 2017

Tributo a Flaminia Amici, sopravvissuta e testimone del bombardamento del 29 gennaio 1945 di Gavardo

Benvenute e Benvenuti.

Sono Silvia Berruto,

Per il sesto anno di seguito a Gavardo il 29 e 30 gennaio.
Per testimoniare, da nipote, ovvero dalla parte della seconda generazione, ciò che è stato.
Sono nipote di Francesco Gallinari, deportato in Germania e in Polonia.
Arrestato mercoledì 8 settembre 1943 a Brescia, alla caserma Goito.
Tornato martedì 28 agosto 1945.

A Gavardo ho incontrato, lavorato e riflettuto, dal 2012, con le studentesse e gli studenti di tutte le classi terze della scuola “Giuseppe Bertolotti”.
555 le studentesse e gli studenti incontrati sinora. Saranno 702, il 31 gennaio 2017.

A Gavardo, il 23 aprile 2012, in occasione della mostra del lavoro svolto nel corso del progetto © “Il sogno di una cosa. Il dovere diritto di essere liberi in un contesto condiviso del rispetto delle regole valide per tutti” da me condotto, sono stata accolta dalla Signora Flaminia che, presentandosi, mi disse: “Benvenuta Silvia – suggellando l’accoglienza con una forte stretta di mano – sono la nonna di Simone Polvara”.

Qui a Gavardo ho incontrato Domenico BUCCELLA, internato militare a Bergen-Belsen proprio dove IDA DESANDRE’, l’ultima deportata politica valdostana in vita, amica e maestra, è stata deportata.
A lei è dedicato, insieme a Italo Tibaldi e alla staffetta partigiana Anna Dati, il progetto culturale, di cui sono ideatrice e conduttrice, Collettivamente memoria, giunto quest’anno alla decima edizione, nel quale ho voluto rientrasse l’incontro di oggi.

SONO QUI perché desidero:
– dire GRAZIE alla Signora Flaminia,
– RINGRAZIARE pubblicamente questa comunità, alla quale sento di appartenere, che COLLETTIVAMENTE continua a fare STORIA e MEMORIA. Desidero ringraziare anche per l’accoglienza della scuola che da sei anni mi offre l’opportunità di riflettere con le studentesse e gli studenti delle classi terze;
– DIRE GRAZIE pubblicamente ancora una volta al maestro Piero Simoni, a Luigi Orlini, a Giovanni Tobanelli e ad Antonio Abastanotti;
– testimoniare
– STARE e CONDIVIDERE in EMPATIA la giornata di oggi, qui, con VOI.

Per la costruzione di un impegno civile del NOI.
Si dice che chi incontra un TESTIMONE diventa a sua volta un TESTIMONE.

Sono qui perché ho deciso di accettare il testimone dal deportato politico Italo Tibaldi – deportato a Mauthausen e Ebensee, Matricola n.42307 – quando me lo ha chiesto.

Testimoniare assicura l’immortalità dei fatti avvenuti e dei gesti compiuti.
Delle Resistenze, delle disobbedienze, delle opposizioni.
Dei NO detti e agiti.
Delle memorie.
Del passaggio del testimone e forse dell’improbabile scelta di accogliere il testimone.
Per testimoniare.

Alla ricerca della costruzione permanente di un’etica, anche del ricordare, sulla fragile linea delle memorie, incerte, mutevoli, ingannevoli, labili in cui si inserisce il destino umano dell’essere condannati a riflettere.
E a ricordare.

LA TESTIMONIANZA, preziosa per ricostruire scenari e fatti storici come nella restituzione di un volto alle vittime – persone, non matricole – è già quasi assenza TOTALE di resoconti diretti, con l’evidente assenza dell’esperienza concreta.
In questo senso l’età del testimone è conclusa.
Ora siamo nell’epoca della post-memoria.
Per POST si intende proprio, e cito, “la distanza temporale e qualitativa delle memorie ” dei nonni e dei nipoti che mette però in evidenza il carattere di CONSAPEVOLEZZA di seconda e successiva generazione, tra cui vi sono figli e nipoti.

L’impervio passaggio del testimone titola, a questo proposito, Claudio Vercelli, ricercatore e studioso piemontese, il 26 gennaio scorso, riflettendo ancora una volta sul Giorno della Memoria.

E se già viviamo nell’epoca della post-memoria resta pur sempre, e ancora, IL DOVERE DI RICORDARE.
INDIVIDUALE e COLLETTIVO.
Collettivo perché, ancor prima, convintamente individuale.

Zakhòr, in ebraico, “ricorda!” è l’imperativo categorico.
Per non dimenticare.

E se RICORDARE VUOL DIRE NON MORIRE, *
TESTIMONIARE E’ PER SEMPRE, SIMONE ! (Polvara, nda).

Vuol dire accompagnare e accompagnarsi, nel cammino verso la conoscenza, come ricorda, a presente passata e futura memoria, Italo Tibaldi, quando, parafrasando l’atroce motto scritto sul cancello di Auschwitz “Arbeit macht frei”, lo sostituisce con “Wissen macht frei”: la conoscenza rende liberi.

Come hanno ricordato, ricordano e ricorderanno ancora, i testimoni del bombardamento di Gavardo: Piero Simoni, Luigi Orlini, Giovanni Tobanelli e Antonio Abastanotti con Flaminia Amici.

Per “de-guerrizzare”, con un neologismo, le nostre menti e i nostri cuori, coscienti che la PACE non è solo ASSENZA DI GUERRA ma la possibilità di costruire mondi e modi di pace a partire da una terza via che è, oggi, la NONVIOLENZA.
Perché i 64 milioni di euro che l’Italia spende ogni giorno per le spese militari, 24 miliardi all’anno, siano utilizzati, diversamente. PER LA VITA.

Abbiamo sentito implorare innumerevoli volte dai testimoni, PACE e MAI PIU’ GUERRA, anche dai sopravvissuti al bombardamento di Gavardo del 29 gennaio 1945, dalla commozione e dalle lacrime in dignità – dal dolore e dalle sofferenze che non passano mai – dalle voci di Flaminia, Piero, Luigi, Giovanni e Antonio.
A mònito.
Per ricordare sempre, e persempre, che dalla guerra non si torna mai, dalle guerre non ci libera mai.
Si è, o si è stati, liberati.
Ma non si è mai più LIBERI.

Allora se i testimoni ci lasciano soli, ma NON DA SOLI, è dunque chiaro AMICI ! :
FLAMINIA E’ QUI.

Grazie Flaminia !

Con rispetto,
Silvia Berruto

* Dal TESTAMENTO, Kriton Athanasulis

® – Riproduzione riservata

Annunci
27
Gen
17

27 gennaio 2017: Giorno della memoria_aosta_Collettivamente memoria 2017

programma-cm2017-versione-5-pagina-21

19
Gen
17

I DIMENTICATI: UN’IDEA PER RICORDARE. Giorno della Memoria 2017 Torino. Centro studi Sereno Regis

3_i-dimenticati_

 

il comunicato stampa integrale

19
Gen
17

I DIMENTICATI. 26 gennaio 2017. Torino. Centro studi sereno regis

Un invito.
Per Te.
 

Che TU possa diventare un Hoffunsgtrager: una portatrice o un portatore di speranze collettive.
Per utopie concrete.
Metti a disposizione
collettiva
il tuo sapere, il tuo saper fare e il tuo saper essere
con cuore, con testa, con parole utili, con opere e

se è possibile,

senza troppe omissioni,
quello che è stato.

Ricorda !

e poni rimedio
dove è possibile

perché dal Giorno della Memoria si arrivi, INSIEME, alla memoria di tutti i giorni.

Fatti capace.

Portami con Te,
che già,
per quanto sta in me,
io
Ti porto dentro.

 

Ti aspetto.
Ti aspetterò sempre,
anche se non verrai.
Soprattutto se non verrai.

Con rispetto,
Silvia


30 Nivôse An CCXXV

Immagine incorporata 1

Immagine incorporata 2

NEWSLETTER DEL CENTRO STUDI SERENO REGIS_APPUNTAMENTI E SEGNALAZIONI
http://serenoregis.org/evento/i-dimenticati-unidea-per-ricordare-giorno-della-memoria-2017/

I DIMENTICATI. UN’IDEA PER RICORDARE di Silvia Berruto e Giovanna Capitanio, Aosta, 2005-2017
https://silviaberruto.wordpress.com/2016/12/30/i-dimenticati-unidea-per-ricordare-di-silvia-berruto-e-giovanna-capitanio-aosta-2006-2017/

2017: 10 anni di Collettivamente memoria e 12(13) anni de I DIMENTICATI. UN’IDEA PER RICORDARE
https://silviaberruto.wordpress.com/2016/12/31/2017-10-anni-di-collettivamente-memoria-e-12-anni-de-i-dimenticati/

06
Gen
17

In morte della cara caldaia

EPITAFFIO PER LA CARA CALDAIA

 

“Si è spenta a soli 12 anni dal prevedibile fine vita
RBL Ri Ello serie 3700
dopo una vita dedi(ca)ta
a scaldare ignoranze ricolme di CO2.

Obsoleta, ma costretta a lavorare, è morta a causa di un ormai acclarato accanimento terapeutico e per sovrasfruttamento.

 

Già nel novembre 2004 era stata dichiarata pressoché a(in) fine (di)vita,
come risulta da – proposte di intervento per la riduzione di consumo energetico/idrico e per lo sfruttamento di energia solare per la produzione di energia elettrica e termica –
studio di Luca, Alexis e Antonio, tre ingegneri ecostudiosi –
ovvero dai rendimenti sempre più bassi e dalla necessità di manutenzioni sempre più frequenti.

 

Rianimata più volte in questi anni, ieri sera non ce l’ha fatta.

 

Lascia (circa) 10 fans locali inconsolabili e diversi parenti a lei molto affezionati.

 

Ci stringiamo in Franti alla Famiglia
dei suoi sostenitori
e ai Parenti tutti,
ma soprattutto tra noi e noi, per non schiattare … dal freddo.

 

La affidiamo ad Ih Oh
certi che le concederà finalmente l’eterno riposo
considerato che ora riposa in pe(a)ce.

 

Al Signor Ih Oh, Ih Oh, Ih Ho
sempre a Lei molto devoto,
in omaggio alla sua vita spesa nell’esercizio di improbabili consigli,
porgiamo le nostre fredde e sentite condoglianze.

 

NOI, ostaggi dell’ignoranza e dell’analfabetismo di andata e ritorno

ore 6,14 del 6 gennaio 2017

Da ” Il tak di un vecchio sporcaccione “




gennaio: 2017
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Mesi