31
Ago
16

Incidente a Portese, San Felice del Benaco, 29 agosto 2016

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un estratto di un centinaio di foto, tutte realizzate ad alta definizione, dell’incidente verificatosi lunedi 29 agosto 2016, in Via Don Lucillo Bonetti, a Portese di San Felice del Benaco.

 

© Photo Silvia Berruto

® Riproduzione riservata

 

Dr. SILVIA BERRUTO
Fotoreporter e giornalista freelance
Viale Gran San Bernardo, 43
11100 – Aosta
Associazione Nazionale Fotografi Professionisti TAU VISUAL Milano
Ordine dei Giornalisti Valle d’Aosta
Giornalisti contro il razzismo (http://www.giornalismi.info/mediarom/)
Cell (+39) 339 – 505 32 70
s.berruto@gmail.com
https://silviaberruto.wordpress.com
http://www.liberostile.blogspot.com

 

 

 

 

31
Ago
16

Incidente a Portese, San Felice del Benaco. 29 agosto 2016

DSC_0435 copia 2

Un solo fotografo professionista freelance sul posto.

Sono state realizzate esclusivamente immagini ad alta definizione.

 

© 2016 Photo Silvia Berruto

® Riproduzione riservata

27
Ago
16

oggi ad aosta gli Even If

IMG-20160825-WA0000

 

Silvia: basso elettrico, voce, tastiere

Federico: chitarra elettrica

David: tastiere, voce

Gabriele: batteria

Maurizio: chitarra elettrica

 

 

 

11
Ago
16

FERMARE LA GUERRA. Di Peppe Sini

” FERMARE LA GUERRA. SI DIMETTA IL GOVERNO”

 

Il governo italiano ha ammesso di aver gia’ inviato segretamente truppe in Libia.

La cosa piu’ folle e scellerata che si potesse fare ed insieme la piu’ tragicamente coerente con la politica guerrafondaia, avventurista e golpista dell’esecutivo attuale.

E’ un governo di irresponsabili, di insipienti e di fuorilegge.

Che un Parlamento da operetta, incapace di svolgere il suo ruolo, non ha saputo contrastare nei suoi deliri, costantemente avallando a posteriori ogni sciagurata demenza del gabinetto in carica.

Con un Presidente della Repubblica dedito perlopiu’ a vacui esercizi retorici e latitante quando si tratta di difendere la legalita’ repubblicana, che rinuncia a difendere il decisivo articolo 11 della Costituzione che si apre con le lapidarie, inequivocabili parole “L’Italia ripudia la guerra”.

L’Italia si trova ancora illegalmente ed insensatamente in guerra: sia nel teatro afgano, sia in quello siro-iracheno, sia in quello libico.

Sperpera ingentissime risorse pubbliche in pro della guerra, della guerra assassina.

Rifornisce di armi e servizi dittature terroriste.

E partecipa di alleanze militari terroriste e stragiste.

Nel vortice della terza guerra mondiale a pezzi.

*

Cessi immediatamente l’illegale e folle partecipazione italiana alla guerra.

Si dimetta il governo.

Solo la pace salva le vite.”

 

Peppe Sini, responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo

 

Viterbo, 11 agosto 2016

 

Mittente: “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac@tin.it, centropacevt@gmail.com, centropaceviterbo@outlook.it

10
Ago
16

LA STRAGE DI PIAZZA DELLA LOGGIA è “SICURAMENTE RICONDUCIBILE ALLA DESTRA EVERSIVA”

 

USCITE OGGI LE MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA:

LA STRAGE DI PIAZZA DELLA LOGGIA è “SICURAMENTE RICONDUCIBILE ALLA DESTRA EVERSIVA”

LEGGI L’ANSA LOMBARDIA

 

SILVIA BERRUTO, ANTIFASCISTA

 

A 42 ANNI DAL 28 MAGGIO 1974

 

 

 

10
Lug
16

IL CULTO DEL DUCE E L’ARTE DEL CONSENSO. STUDIO PREPARATORIO PER UNA MOSTRA IMPROBABILE. Parte seconda

IL CULTO DEL DUCE E L’ARTE DEL CONSENSO. STUDIO PREPARATORIO PER UNA MOSTRA IMPROBABILE

Parte seconda

ITALY, LOMBARDIA, GARDASEE, SALO’

“Ognuno vede ciò che sa”

 

 

La LEGGE 20 giugno 1952, n. 645 (Legge SCELBA)
Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione. (GU n.143 del 23-6-1952 )
recita all’ Art. 1. (Riorganizzazione del disciolto partito fascista)
Ai fini della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione, si ha riorganizzazione del disciolto partito fascista quando una associazione, un movimento o comunque un gruppo di persone non inferiore a cinque persegue finalità antidemocratiche proprie del partito fascista, esaltando, minacciando o usando la violenza quale metodo di lotta politica o propugnando la soppressione delle liberta’ garantite dalla Costituzione o denigrando la democrazia, le sue istituzioni e i valori della Resistenza, o svolgendo propaganda razzista, ovvero rivolge la sua attivita’ alla esaltazione di esponenti, principi, fatti e metodi propri del predetto partito o compie manifestazioni esteriori di carattere fascista)).

e

all’ Art. 4. (Apologia del fascismo)
Chiunque fa propaganda per la costituzione di una associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità indicate nell’articolo 1 e’ punito con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa da lire duecentomila a lire cinquecentomila. Alla stessa pena soggiace chi pubblicamente esalta esponenti, principi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche, ovvero idee o metodi razzisti. La pena e’ della reclusione da due a cinque anni e della multa da cinquecentomila a due milioni di lire se alcuno dei fatti previsti nei commi precedenti e’ commesso con il mezzo della stampa. La condanna comporta la privazione dei diritti previsti nell’articolo 28, comma secondo, numeri 1 e 2, del codice penale, per un periodo di cinque anni)

e la

LEGGE 205/1993 del 25 giugno 1993, n. 205 – (Legge MANCINO)
All’articolo 2:
È vietata ogni organizzazione, associazione, movimento o gruppo avente tra i propri scopi l’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi. Chi partecipa a tali organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi, o presta assistenza alla loro attività, è punito, per il solo fatto della partecipazione o dell’assistenza, con la reclusione da sei mesi a quattro anni. Coloro che promuovono o dirigono tali organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi sono puniti, per ciò solo, con la reclusione da uno a sei anni.”

e

la XII Disposizione transitoria e finale della Costituzione della Repubblica Italiana, nel testo vigente del 1 gennaio 1948:
“E’ vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista.
In deroga all’articolo 48, sono stabilite con legge, per non oltre un quinquennio dall’entrata in vigore della Costituzione, limitazioni temporanee al diritto di voto e alla eleggibilità per i capi responsabili del regime fascista.”

Ora, se la ripetizione per 53 volte del soggetto Mussolini, non è esaltazione di un esponente del fascismo, ancorché indiretta, che cosa è, come si configura, che cosa produce nel visitatore dell’esposizione, di cui sopra, a livello subliminale?
Se non è un’esaltazione di Mussolini si tratta di un’ossessione ben riuscita, anche un po’ fetish, con un esito di pura autoreferenzialità.

A partire dell’assunto, già citato, secondo il quale un’immagine afferma se stessa, la “mostra” così esibita pone diversi interrogativi.

Una prima riflessione, dal basso, riguarda i contribuenti: le cittadine e i cittadini di Salò che, con le loro tasse, provvedono al mantenimento del museo.
La cittadinanza non avrebbe avuto il diritto di avere, e forse avrebbe dovuto esigere, per una mostra che si possa definire tale, un progetto scientifico, verificato e supervisionato da un comitato scientifico adeguato, che tutelasse le condizioni minime per la realizzazione di un’operazione espositiva di livello culturale anche minore, di taglio anche non artistico, a-storico e/o antistorico, qual è, in definitiva, questa operazione che ho definito studio preparatorio per una mostra?

In merito all’apparato “catalografico” sono due i volumi disponibili in mostra alla “mostra”.
Il primo è un libello, non un catalogo, anzi un quaderno del museo, intitolato Il lungo viaggio attraverso il fascismo/1 per la vision secondo Giordano Bruno Guerri de “IL CULTO DEL DUCE (1922-1945) L’arte del consenso nei busti e nelle raffigurazioni di Benito Mussolini”.
All’interno si legge “Per il prestito delle opere si ringraziano: Giuseppe Balestrieri, Massimo Meroni e Massimiliano Vittori.
E’ una monografia di 28 pagine curata da GBG con testo su “Il culto del duce” (7 pagine) con alcune riproduzioni delle opere esposte (21 pagine).

Il secondo, (era) esposto alla cassa, è DVX l’arte del consenso di Massimo Meroni.
Finito di stampare il giorno 12 aprile dell’anno 2016 presso la tipografia per conto di Novecento editoria d’arte – Latina.
Una monografia di 200 pagine con presentazione di Massimo Meroni, iI mito del Duce di Giuseppe Parlato, Predappio e Mussolini di Giorgio Frassineti, sculture, placche-medaglie-rilievi, dipinti-disegni-stampe, il museo.
(Il museo è quello di Predappio, nda).

Questi due lavori sono ciò che di più lontano si possa trovare rispetto ai prestigiosi cataloghi d’arte internazionali noti a chi frequenta vere mostre d’arte. Ne cito alcuni d’affezione: FMR (Franco Maria Ricci), Allemandi (Torino), Skirà (Milano), Fratelli Alinari, Fondation Pierre Gianadda (Martigny, Svizzera).

Il coraggio, se di questo si può parlare e, se di questo si fosse trattato – la notazione è indirizzata al sindaco di Salò Giampiero Cipani – sarebbe stato produrre un catalogo integrale, comprendente entrambe le “mostre”: quella permanente sulla Rsi e quella sul culto del duce – in modo tale da posizionare davvero il MuSa in un panorama critico realmente internazionale.

Se le pubblicazioni per la “mostra” non rappresentano direttamente l’esaltazione del duce sono inequivocabilmente gli strumenti di diffusione dell’effige del s-oggetto, solo casualmente filo-fascisteggiante e fascista, Mussolini Benito.

A 42 giorni dall’inaugurazione dell’esposizione restano solo due i documenti emanati dall’ANPI (associazione nazionale Partigiani d’Italia) locale e provinciale: un’intervista a Paolo Canipari, presidente della sezione ANPI “Italo Nicoletto di Salò, pubblicata da Garda Press di giugno e una lettera aperta, segnalata e acclusa nella prima parte di questo articolo, inviata dal comitato provinciale di Brescia.
Un terzo documento è la lettera aperta, a firma della segreteria provinciale del Partito della Rifondazione Comunista di lunedì 23 maggio 2016.

Le ragioni di un silenzio, così assordante, potrebbero forse essere relate ad uno degli aspetti nodali del problema riconducibile al non superamento dell’ambiguità, insita nel termine “riorganizzazione” che dovrebbe essere riferito correttamente a qualcosa che è estinto, finito, concluso, non come invece sembrerebbe nella realtà e al cospetto di alcuni accadimenti.

L’irricevibilità culturale, civile e politica di alcune mostre, di alcuni raduni, di alcune proposte pseudoculturali sul territorio, perlomeno discutibili quando non esecrabili, ha creato disappunto e dissenso e ha prodotto una sana controinformazione in progress.

C’è fermento in zona.

Azioni e manifestazioni antagoniste alternative a questo status quo sono in agenda.
Un primo volantino, pronto all’uso, era già stato stilato un mese fa dal partigiano Loris Abbiati, un uomo uso all’azione, dopo l’analisi e l’elaborazione di una strategia. Questa proposta, una delle tante, ha dovuto fare i conti con alcune inspiegabili “controresistenze” e prese di tempo inefficaci, e inefficienti, che hanno avuto l’effetto di rallentare risposte già elaborate e pronte per agire l’informazione allargata.
Le azioni progettate dalla controinformazione devono altresì fare i conti con l’evidente impossibilità da parte della minoranza del consiglio di amministrazione del museo di contrastare culturalmente, e nei fatti, i contenuti, l’assenza di scientificità, le scelte espositive delle “mostre” sul culto del duce e sulla Rsi di Roberto Chiarini.

Qualsiasi operazione di presunta, apparente o reale neutralizzazione, quando non di confusione, circa i contenuti, anche didattici, da inserire in una mostra, sarebbe da evitare poiché non è utile né ai discenti di tutte le età, potenziali o reali frequentatori di “mostre” non surrettizie, né agli ispiratori e/o ai mecenati, né agli storici “creativi”, improbabili, e/o verosimili rovescisti e/o negazionisti che siano.
La “mostra” sulla Rsi, secondo il parere di molti, non solo non deve essere integrata, corretta e/o “reimpolpata”, come rilanciato da qualcuno, ma insieme alla mostra sul culto del duce, deve essere smantellata, per essere semmai ripensata, ricordata e archiviata come un tentativo di studio preparatorio per eventuali progetti espositivi.

Chi non ha potuto partecipare all’inaugurazione della mostra, avvenuta ad inviti, non sa quanto è stato detto dai due relatori, anche perché nessun report o articolo pubblicato è esaustivo, a questo proposito.

Lo speech di introduzione alla mostra, a quattro mani, a cura del sindaco e del curatore della mostra, della durata di una quindicina di minuti circa, ha avuto come cifra distintiva più che l’illustrazione della mostra, evasa dal curatore nei cinque minuti finali, una perorazione-apologia della mostra, un’excusatio non petita, piuttosto imbarazzante per la genericità e per la vaghezza dei contenuti, pur nel rispetto dei rituali dovuti ringraziamenti agli amici e ai sostenitori dell’operazione, non è risultato convincente, ancorché verosimile.
Dalle parole del sindaco Cipani “perché poi alla fine tutti quanti riconosceranno il valore culturale, storico, scientifico di questa iniziativa” alla soddisfazione per l’andamento dei visitatori della mostra “Da Giotto a De Chirico. I tesori nascosti, al crescente dinamismo, per numeri e per attività, dell’associazione Garda Musei e relativa citazione con ringraziamenti al Professor Rodolfo Bona, agli eventuali costi “zero” della mostra (non quella in inaugurazione ma quella di Vittorio Sgarbi), all’autoreferenziale citazione del ricevimento del premio Rosa Camuna, all’impatto e al ritorno sul territorio di un investimento economico in cultura sino ad un misto di affermazioni e generalizzazioni varie nelle parole del curatore della mostra, con la dichiarazione cult con cui chiudo un elenco di parole senza molto senso: “Abbiamo cominciato con il culto del duce perché è basilare per capire il fascismo. Se non si capisce il fascismo è anche molto difficile capire ed applicare l’antifascismo”.

Il tutto si svolge in un contesto culturale e territoriale off-limits, in una specie di terra di nessuno, sullo sfondo di scenari fatti di esposizioni, raduni, patrocini concessi e poi revocati, connotati per analoghi inquietanti assenze di contenuti e di prerequisiti oltreché per esiti di “non disambiguazione”, si direbbe in rete.

Estrapolo e cito alcuni eventi.

A Salò, in contemporanea alla mostra su “il culto del duce”, si tiene una mostra dal titolo “La Repubblica a Salò, i 7 mila e 600 giorni di Mussolini, organizzata dal movimento salodiano indipendente (msi) e l’associazione Catarsi.

A Brescia sarebbe stato revocato il patrocinio del comune per il concorso Piccola Caprera “L’amor di Patria”.

A Brescia la proposta di eseguire in Largo Formentone, in piazza Rovetta, un murale con l’effigie del duce e il Bigio ha scatenato indignazione, dissensi e rimostranze.

A Torri del Benaco, sempre sul lago di Garda, nel primo weekend di luglio si è svolto il Boreal Festival, raduno dell’estrema destra europea, per l’organizzazione del quale l’associazione culturale “The Firm” avrebbe ottenuto, oltre alla concessione di spazi e strutture, il  patrocinio del comune.

In una Lombardia che “si è progressivamente collocata a livello europeo come meta di incontri, raduni e concerti di ispirazione neonazista” e in un’Italia in cui “si è formalmente ricostituita Avanguardia nazionale, l’organizzazione neofascista e golpista sciolta d’autorità nel giugno del 1976 dopo una sentenza del Tribunale di Roma che condannò, in base alla legge Scelba, trentuno dei suoi aderenti per ricostituzione del partito fascista” come afferma Saverio Ferrari su Il Manifesto, rispettivamente del 27 maggio e dell’8 luglio 2016.

Di fronte a quanto appena segnalato, manifestare e agire il DISSENSO è sempre più un dovere umano, culturale, civile e politico per chi non è distratto dalla libertà: un imperativo categorico, un impegno necessario e irrinunciabile.

In direzione ostinata e contraria, per quel “per tutti” che ci hanno insegnato con il loro impegno di lotta resistenziale e resistente prima, con le loro esistenze poi, staffette e partigiani tra i quali cito l’amica e maestra la staffetta partigiana Anna Cisero Dati e l’amico e maestro, il partigiano Orlando Bee.

Orlando ha sempre affermato, con determinazione: “tutti devono poter esprimere sempre il proprio pensiero e bisogna ascoltare tutti senza pregiudizi e censure preventive”.

Anna dice della sua lotta partigiana:
“Noi abbiamo lottato per i nostri compagni, per quelli che sarebbero venuti e anche per chi non la pensava come noi.”

Per “Resistere, per esistere” come insegna Elsa Pelizzari.

Per imparare a DIRE NO, come ha insegnato Agape Nulli Quilleri che si era rifiutata di fare il saluto fascista al preside della sua scuola che le intimava di obbedire.

O come ricorda Aldo Giacomini a tutte e a tutti, ma specialmente ai giovani, che “LA LIBERTA’ COSTA CARA MOLTO. Tenetela da conto!

Mi piace chiudere questo pezzo con Italo Calvino e le parole del commissario politico Kim nello struggente, lucido, passaggio della visita al distaccamento “tutto di uomini poco fidati” estratte dal già citato romanzo Il sentiero dei nidi di ragno:

C’è che noi, nella storia, siamo dalla parte del riscatto, loro dall’altra.
Da noi, niente va perduto, nessun gesto, nessuno sparo, pur uguale al loro, m’intendi? uguale al loro, va perduto, tutto servirà se non a liberare noi, a liberare i nostri figli, a costruire un’umanità senza più rabbia, serena, in cui si possa non essere cattivi. L’altra è la parte dei gesti perduti, degli inutili furori, perduti e inutili anche se vincessero, perché non fanno storia, non servono a liberare ma a ripetere e perpetuare quel furore e quell’odio, finché dopo altri venti o cento o mille anni si ritornerebbe così, noi e loro, a combattere con lo stesso odio anonimo negli occhi e pur sempre, forse senza saperlo, noi per redircemene, loro per restarne schiavi. Questo è il significato della lotta, il significato vero, totale, al di là dei vari significati ufficiali.

 

Silvia Berruto, giornalista contro il razzismo

 

R – Riproduzione riservata

 

 

07
Lug
16

Viterbo in lutto. Domani 8 luglio 2016. Noi con empatia e compassione laica ci saremo

 

Ricevo da Peppe Sini

e con empatia e compassione laica condivido.

 

UNA CITTA’ SI FERMA IN MEDITAZIONE NEL DOLORE E NELLA SOLIDARIETA’. UNA RIFLESSIONE PER LA GIORNATA DI LUTTO CITTADINO A VITERBO 

 

Domani, venerdi’ 8 luglio, Viterbo osservera’ una giornata di lutto per la concittadina assassinata a Dacca.

E questo fermarsi in meditazione nel dolore e nella solidarieta’ deve richiamare ogni persona di retto sentire e di volonta’ buona ad una assunzione di responsabilita’: alla coscienza che solo la nonviolenza puo’ sconfiggere la violenza, che solo il bene puo’ sconfiggere il male; e quindi all’azione buona che salva le vite ed a tutte le uccisioni si oppone.*

E nel ricordo addolorato della concittadina uccisa Viterbo ricorda anche tutte le altre vittime della strage di Dacca, e tutte le altre vittime di tutte le stragi, di tutte le uccisioni.

A cominciare dal nostro fratello che dopo essere scampato alla violenza assassina dell’organizzazione terroristica Boko Haram in Nigeria e’ stato ucciso a Fermo, percosso a morte da un picchiatore razzista.

A cominciare dalle donne che quasi ogni giorno anche nel nostro paese vengono assassinate da uomini che le ritengono non persone ma oggetti di loro proprieta’ su cui infierire con la piu’ vile e brutale ferocia.

A cominciare dalle vittime delle guerre in corso in tante parti del mondo, dalle vittime delle dittature dominanti su tanta parte del mondo, dalle vittime della miseria e della fame, della riduzione in schiavitu’ e delle catastrofi ambientali, immani violenze imposte in tanta parte del mondo da un ordine economico, politico e militare rapinatore, devastatore e stragista.Ogni vittima ha il volto di Abele.*

Il ricordo delle persone assassinate ci illumini e persuada al dovere comune: e questo dovere e’ di adoperarci con tutte le nostre forze in difesa della vita, della dignita’ e dei diritti di tutti gli esseri umani.

Di adoperarci con tutte le nostre forze contro la guerra e tutte le uccisioni.

Di adoperarci con tutte le nostre forze contro il razzismo e tutte le persecuzioni.

Di adoperarci con tutte le nostre forze contro il maschilismo e tutte le oppressioni.

Di adoperarci con tutte le nostre forze contro le dittature e la schiavitu’.

Di adoperarci con tutte le nostre forze contro i poteri criminali e il terrorismo.

Di adoperarci con tutte le nostre forze in difesa della civile convivenza.

Di adoperarci con tutte le nostre forze in difesa del mondo vivente casa comune dell’umanita’ intera.

Di adoperarci con tutte le nostre forze per la democrazia che si oppone al dispotismo e alla barbarie, per la legalita’ che salva le vite, per il bene comune dell’umanita’ e del mondo vivente.*

Occorre abolire la produzione, il commercio, la detenzione e l’uso delle armi, poiche’ le armi, tutte le armi, servono a minacciare e uccidere gli esseri umani.

Ed occorre abolire tutte le organizzazioni armate che in quanto tali hanno come fine di minacciare e di uccidere gli esseri umani.

Ed occorre soccorrere, accogliere, assistere tutte le persone bisognose di aiuto: vi e’ una sola umanita’ e tutti gli esseri umani ne fanno parte in eguaglianza di diritti.

La Costituzione della Repubblica Italiana riconosce e protegge i diritti di tutti gli esseri umani: che questo impegno trovi piena realizzazione.

Il primo dovere di ogni essere umano, ed a maggior ragione di ogni umano istituto, e’ salvare le vite.*

Tutti gli esseri umani appartengono a un’unica famiglia; tutti hanno lo stesso diritto alla vita, alla dignita’, alla solidarieta’.

Dopo Auschwitz e dopo Hiroshima ogni persona senziente e pensante sa che l’umanita’ e’ unita in un unico destino di vita o di morte; ogni persona senziente e pensante sa che e’ indispensabile la pace, il disarmo, la smilitarizzazione, il ripudio assoluto della violenza; ogni persona senziente e pensante sa che solo la nonviolenza puo’ salvare l’umanita’ dalla catastrofe.

Ad ogni disumanata ideologia, ad ogni prassi della barbarie, occorre opporre virtu’ e conoscenza, comprensione e compassione, riconoscimento del valore infinito di ogni essere umano e riconoscenza per il dono della vita di generazione in generazione, la contemplazione della verita’ – della solidarieta’, della condivisione – e l’azione buona che la realizza.*

In nome dell’intera umanita’ passata, la cui esistenza sarebbe annientata del tutto e per sempre – come se non fosse mai stata – qualora non vi fosse piu’ un’umanita’ a recarne memoria ed a proseguire l’umana vicenda: si cessi di uccidere.In nome dell’intera umanita’ presente, la cui esistenza e’ sull’orlo di un abisso, su un crinale apocalittico, in un pericolo estremo: si cessi di uccidere.

In nome dell’intera umanita’ futura, che esistera’ solo se noi non distruggeremo la civilta’ e il mondo: si cessi di uccidere.In nome di tutti i possibili venturi, si cessi di uccidere.

In nome di tutti i viventi, si cessi di uccidere.

In nome di tutte le vittime, si cessi di uccidere.

 

Peppe Sini, responsabile del “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” Viterbo, 7 luglio 2016 Mittente: “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani”, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, tel. 0761353532, e-mail: nbawac@tin.it, centropacevt@gmail.com, centropaceviterbo@outlook.it

 

Con empatia e risoluta determinazione un abbraccio contro ogni violenza e ogni guerra.

Una abbraccio forte ai familiari di NADIA BENEDETTI e a tutti i Viterbesi,

in silenzio,

attoniti,

ci stringiamo  nella compresenza capitiniana dei vivi e dei morti.

Un lungo interminabile abbraccio a tutte e a tutti
Silvia

 

 

 




settembre: 2016
L M M G V S D
« Ago    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930